17 febbraio 2011

The Fashion Brunch incontra Velvet

Milano, martedì 15 febbraio, ore 16.30. Incredibile ma vero, siamo nella redazione di Velvet.





Ad accoglierci è il caporedattore, Fabrizio Filosa, che, dopo averci fatto accomodare, ci mostra in anteprima il nuovo numero di Velvet (in edicola dal 16 febbraio) del quale poi ci è stato fatto graditissimo omaggio come potete vedere nella foto qui sopra :) 
Pochi minuti dopo incontriamo Michela Gattermayer, il direttore, persona deliziosa e disponibilissima che ci concede un po' del suo prezioso tempo per qualche domanda.

INTERVISTA CON MICHELA GATTERMAYER

NEGLI ULTIMI ANNI SI STA DIFFONDENDO SEMPRE DI PIU' IL FENOMENO DEL FASHION BLOGGING, ADDIRITTURA LE FASHION BLOGGERS PIU' FAMOSE SIEDONO IN PRIMA FILA ALLE SFILATE, LEI COSA PENSA A RIGUARDO?
Come in tutte le cose, chiaramente, c'è chi è più bravo e chi meno, quella di cui si sente parlare di più ora è Chiara Ferragni che è stata chiamata a lavorare per Dior ad esempio. E' giusto che i più meritevoli vengano chiamati alle sfilate, poi ci sono stilisti come Tom Ford che preferiscono non invitare nessuno . La cosa positiva dei blog è che hanno un'immediatezza che i giornali non hanno,fanno girare le notizie, le nuove tendenze sulla moda in tempo reale, un giornale invece richiede dei tempi più lunghi.
CHE CONSIGLIO DAREBBE A COLORO CHE VORREBBERO FARE IL SUO STESSO LAVORO?
Non ho un consiglio ben preciso, spesso i giovani che si approcciano a questo mondo hanno un'idea distorta, pensano solo all'aspetto "modaiolo". Quello che posso dire è di iniziare a lavorare in questo campo, rendersi conto di come è in realtà e capire cosa si è effettivamente capaci di fare anche perchè è un mestiere molto faticoso; noi comunque lo adoriamo soprattutto per l'aspetto creativo che lo differenzia dagli altri lavori.
COSA CERCHEREBBE IN UNA PERSONA GIOVANE CHE DEVE LAVORARE PER LEI?
Devono essere persone intelligenti e capaci di fare, non mi interessa un curriculum strepitoso se poi la persona è incapace, viceversa ho conosciuto persone con un curriculum normalissimo che poi hanno dimostrato di avere grandi abilità. Tutto ciò che si deve sapere in questo ambito, infatti, lo si impara con l'esperienza e c'è chi ha più attitudine e chi meno. Alcuni prendono la moda troppo sul serio finendo per diventare ridicoli quando questo è un campo nel quale bisogna usare ironia ed essere fantasiosi.
DELLE ULTIME COLLEZIONI CHE HA VISTO QUALE L'HA COLPITA DI PIU' E PERCHE'?
Indubbiamente Jil Sander, una collezione magnifica, non facilissima da indossare ma dai colori bellissimi e dai tagli classici e Ralph Lauren che ha puntato su uno stile country, hippie.
I PEZZI CHE SECONDO LEI NON DEVONO MANCARE IN UN GUARDAROBA, I MUST HAVE
Difficile, ho uno stile molto stravagante ma sicuramente direi giacca di pelle, jeans bianchi, T-shirt ed una bella camicia.
QUALE ERA LA SUA ICONA DA RAGAZZA?
Non ne avevo una, dicendo questo non voglio assolutamente essere snob, amavo molto il cinema, la musica ma per me un'icona non è un'attrice, un'icona è San Francesco, lui è l'unico santo, tutti gli altri sono uomini come noi (sorride n.d.r.)
PARLIAMO UN PO' DELLA RIVISTA...QUAL E' LA FILOSOFIA DI VELVET?
Filosofia è una parola grossa, non seguiamo un criterio preciso, cerchiamo semplicemente di raccogliere il materiale che ci piace, ciò che riteniamo bello, per poi proporlo ai lettori. La moda cambia troppo in fretta e non è pensabile seguire sempre uno stesso filo conduttore, soprattutto per noi che siamo ancora un giornale giovane.
COME MAI QUESTO CAMBIAMENTO ALLA CINQUANTADUESIMA USCITA?
Non c'è un motivo particolare, semplicemente dopo cinquanta numeri ci è sembrato opportuno cambiare, il vecchio formato era bello ma troppo importante e poco maneggevvole, per cui ora abbiamo realizzato questo formato nuovo, più piccolo, che ha conservato alcune delle vecchie caratteristiche ed è stato arricchito con nuovi elementi.

Ringraziamo la Direttrice per la sua disponibilità e riprendiamo il nostro giro in redazione; l'atmosfera che si respira è magica, poter ossevare da vicino il lavoro che c'è dietro ad una rivista di moda è un'esperienza unica, soprattutto se la si affronta per la prima volta. Essere qui è un privilegio e vorremmo condividerlo con voi, quindi..eccovi LA REDAZIONE :)

reparto moda, rubriche uomo e donna, servizio indossato











reparto attualità



reparto grafica, foto editor













l'ufficio della Direttrice 













una montagna di Velvet : D




una parte che in molti adorerete, il guardaroba :)




































E queste siamo noi in redazione :)




Ancora un grazie a tutta la splendida redazione di Velvet ed in particolare al Caporedattore che ha reso possibile questo incontro.

                                        






Clara&Gemma, with love <3

8 commenti:

  1. Sembra tanto " Il diavolo veste Prada" *_* ...E' tutto così...alla moda! ♥

    RispondiElimina
  2. Complimenti!! Deve essere stata senz'altro una fantastica esperienza! :)
    Sono arrivata al vostro blog da Twitter,appena ho un attimino me lo guardo per bene...ma già mi sembra molto carinO!! :)
    Ciao ciao

    Ilaria

    RispondiElimina
  3. Facci sapere cosa ne pensi allora :*

    RispondiElimina
  4. Curiosità ma come siete arrivate alla redazione di Velvet? *_* ...se posso ovviamente >-<''

    RispondiElimina
  5. Questo mese sono state pubblicate delle nostre foto su Velvet (le puoi trovare nel post "50 VELVET TIME") e così siamo passate in redazione per ringraziare e ci è stato proposto di realizzare un'intervista per il blog..voilà :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Ragazze, non conoscevo questo blog, sono finita qui per caso, adoro Velvet e vi invidio non poco :)

    Spulcerò per bene il blog perchè mi sembra interessante..! baci

    RispondiElimina